La Felicità Interna Lorda o FIL (in lingua inglese gross national happiness — GNH) è il tentativo di definire — con un evidente ammiccamento ironico, ma con altrettanto evidenti intenti sociologici — uno standard di vita sulla falsariga del Prodotto Interno Lordo (PIL).

Origine del termine[modifica | modifica sorgente]

Il termine fu coniato nella metà degli anni '80 dal re del Bhutan Jigme Singye Wangchuck che mise in rilievo il suo impegno per la costruzione di un'economia coerente con la cultura tradizionale del suo paese basata sui valori spirituali del buddhismo.

Le è stato riconosciuto il merito di offrire una visione unificatrice per il processo di pianificazione quinquennale e di tutti i relativi documenti di programmazione che guidano i piani economici e di sviluppo di quel paese.

Ricerca sulla FIL in Bhutan[modifica | modifica sorgente]

Eric Ezechieli, all'università di Stanford, California, ha svolto nel 2002-2003 una ricerca per verificare la coerenza tra il sistema educativo Bhutanese e gli obiettivi di FIL. Ne risulta che un sistema educativo di origine occidentale diffonde valori, modelli ed obiettivi di sviluppo spesso opposti a quelli della FIL. Inoltre, l'impatto della televisione, diffusa solo a partire dal 1999, è superiore a quello della scuola e diffonde modelli di consumo occidentali in contrasto con gli obiettivi di FIL.

La FIL nelle parole del Dalai Lama[modifica | modifica sorgente]

Il Dalai Lama è un convinto sostenitore della FIL. A questo proposito ha dichiarato:

« Come buddhista, sono convinto che il fine della nostra vita è quello di superare la sofferenza e di raggiungere la felicità. Per felicità però non intendo solamente il piacere effimero che deriva esclusivamente dai piaceri materiali. Penso ad una felicità duratura che si raggiunge da una completa trasformazione della mente e che può essere ottenuta coltivando la compassione, la pazienza e la saggezza. Allo stesso tempo, a livello nazionale e mondiale abbiamo bisogno di un sistema economico che ci aiuti a perseguire la vera felicità. Il fine dello sviluppo economico dovrebbe essere quello di facilitare e di non ostacolare il raggiungimento della felicità »

.

Uno dei molti indicatori alternativi[modifica | modifica sorgente]

A differenza del Genuine Progress Indicator — che cerca effettivamente di misurare il benessere — la Felicità Interna Lorda non è un tentativo di quantificare la felicità. Le due misure concordano, tuttavia, sul fatto che il benessere è più importante dei consumi.

Il problema è che la FIL si basa su una serie di valutazioni soggettive sui valori morali. In pratica ciò significa che è aperta a chiunque è in grado di definire un quadro di riferimento (di solito i governi), coerente con i propri interessi. Un esempio concreto è dato dal già citato Bhutan che ha espulso circa 100.000 cittadini di origine nepalese sostenendo che non sono dei veri bhutanesi. Ciò avrebbe avuto un effetto negativo sul PIL, ma non sulla Felicità Interna Lorda.

Indicatori di progresso economico alternativi che hanno il sostegno di numerose ONG vengono utilizzati da alcuni governi di stati europei e nel Canada.

Conferenza sulla FIL[modifica | modifica sorgente]

Una conferenza internazionale sulla Felicità Interna Lorda si è tenuta nel giugno 2005 in Nuova Scozia (Canada), un evento a cui i buddhisti Shambhala hanno attribuito un significato speciale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]



Imparare Portale Imparare: accedi alle voci di Verdiana-Wikia che trattano di Imparare
Vivere insieme Portale Vivere insieme: accedi alle voci di Verdiana-Wikia che trattano di Vivere insieme
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.