Gigatherm è un prodotto innovativo, una specie di vernice in materiale acrilico che contiene delle sferule in simil-ceramica, che microscopicamente si dispongono come un reticolo di micro-bolle (diametro da 0,2 a 100 micron), quasi prive di aria o altri gas.

L'alta concentrazione di micro-bolle, crea un vuoto interno che assieme al fatto di essere fatto di ceramica (poco termo-conduttiva e riflettente a molte lunghezze d'onda) è capace di riflettere l'energia termica come uno specchio e di resistere ad acidi e a temperature elevate.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Gigatherm è stato scoperto e realizzato da Ettore Del Giudice, professore di Tecnologie della Facoltà di Ingegneria della Seconda Università degli studi di Napoli. Egli afferma che questo nuovo prodotto potrebbe rivoluzionare il settore dell'edilizia.

Presentato nel corso del seminario “Riflettere l'energia: tecnologie e materiali per costruire il futuro”, svoltosi in Caserta (Campania), il nuovo prodotto consiste in un rivestimento costituito da microscopiche sfere cave di ceramica immerse in supporto acrilico.

Vantaggi[modifica | modifica sorgente]

Pur sembrando una semplice vernice, presenta quattro notecoli caratteristiche fisiche:

  • Alta riflettività nello spettro della radiazione solare dall'infrarosso fino all'ultravioletto;
  • Alta impenetrabilità da parte di agenti esterni (acqua, smog, batteri, muffe, alghe);
  • Elevata traspirabilità;
  • Elevata resistenza all'invecchiamento, resistenza a urti e strappi pari al 80% di quella della pelle.

Costi e risparmi[modifica | modifica sorgente]

Il rivestimento Gigatherm è facile da applicare (quasi come una vernice), con costi di circa quattro euro per metro quadrato.

Gigatherm promette un risparmio del 30% nei costi di riscaldamento. [1]

Ecocompatibilità[modifica | modifica sorgente]

Gigatherm risulta ecocompatibile, capace di favorire notevoli riduzioni dei costi di riscaldamento (diminuisce l'irraggiamento del calore dall'interno all'esterno in inverno, e dall'esterno all'interno in estate.

Avendo una matrice essenzialmente fatta da vuoto e da ossidi di minerali, e capace di inibire muffe e fughi e per l'ampia riflettività alla luce visibile è capace di migliorare la luminosità degli ambienti.

Note[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]



I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.