Gli Altri. La sinistra quotidiana è un settimanale politico italiano, apartitico, ma schierato a sinistra[1].

Fondato nel 2009 come L'Altro dall'ex direttore di Liberazione, Piero Sansonetti, è al momento distribuito su 12 città e disponibile su abbonamento in tutta Italia.

Il primo numero è uscito in edicola il 12 maggio 2009 dopo due numeri zero, diffusi il 4 e il 25 aprile (in occasione della Festa della Liberazione).

Il giornale nasce come quotidiano con l'intento di stimolare un dibattito, ampio e molto aperto, che contribuisca a porre le basi culturali per la rinascita della sinistra italiana[2].

Gli Altri
Paese bandiera Italia
Lingua italiano
Periodicità settimanale
Genere stampa nazionale
Diffusione Nazionale
Fondazione 2009
Sede Roma
Editore Le Altre s.r.l.
Direttore Piero Sansonetti
sito ufficiale

Disputa legale e cambio di testata[modifica | modifica sorgente]

Il 23 settembre 2009 l'Altro quotidiano, edito da Gecem, cita in tribunale la testata di Piero Sansonetti per pericolo di confondibilità fra i due quotidiani.

Il 12 ottobre 2009 il tribunale ha accolto le tesi della Gecem[3] e quindi il quotidiano è costretto ad assumere dal 17 ottobre il nuovo nome di Gli Altri[4]. Fra i legali difensori de l'Altro quotidiano figura Romano Vaccarella, già difensore di Fininvest nel processo Sme[5].

Trasformazione in settimanale[modifica | modifica sorgente]

A causa di problemi economici domenica 6 dicembre 2009 è uscito l'ultimo numero del quotidiano che verrà trasformato in settimanale[6]. Il primo numero della rivista è uscito il 18 dicembre successivo[7].

Direttori[modifica | modifica sorgente]

Redazione[modifica | modifica sorgente]

Progetto grafico[modifica | modifica sorgente]

Principali collaboratori[modifica | modifica sorgente]

Collaboratori saltuari[modifica | modifica sorgente]

Firme e collaboratori Illustri[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]




Template:Stampa italiana

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.