Il Gran Ducato di Westarctica è una micronazione creata dall'Americano Travis McHenry, che ha rivendicato la terra di Marie Byrd. Westarctica è stata fondata su una presunta lacuna nel Trattato Antartico. Nonostante i suoi tentativi, non è riconosciuta dal governo di nessun paese.

Protettorato di Westarctica
micronazione

Protettorato di Westarctica – Bandiera
Indipendenza 2 Novembre 2001
Dati amministrativi
Nome completo (EN) Grand Duchy of Westarctica
Governo Monarchia assoluta
Inno God Save Westarctica
Informazioni generali
Capoluogo Isola Pietro I
Area km²
Continente Antartide
Valuta Dollaro di Westarctica

Territorio[modifica | modifica sorgente]

File:Antarctica Peter I Island.png

L'isola Pietro I, capitale di Westarctica

La maggior parte del territorio rivendicato è costituito dalla Terra di Marie Byrd, definita come tutte le terre a sud del 60 ° S e tra 90 ° W e 150 ° O. Territori ufficialmente facenti parte del Cile e della Nuova Zelanda . La capitale originaria fu chiamata Achille. Più tardi vennero annesse le Isole Balleny, rivendicate dalla Nuova Zelanda e l'isola Pietro I, rivendicata dalla Norvegia. Quest'ultima venne dichiarata la nuova capitale di Westarctica.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il 2 novembre del 2001, Travis McHenry decise di rivendicare la Terra di Marie Byrd dopo aver scoperto che nessun paese lo aveva mai fatto prima di lui. Il Trattato Antartico stabilisce infatti che nessun paese può dichiarare la propria sovranità su quel territorio. Nonostante ciò, McHenry fondò la sua nazione "the Achaean Territory of Antarctica". Inviò una lettera ai governi di Russia, Francia, Norvegia, Australia, Nuova Zelanda, Argentina, Cile, Stati Uniti e Regno Unito per informarli di ciò che aveva fatto. Tutti questi paesi lo ignorarono.

File:AMU Sectioned.png

Le micronazioni aderenti all'AMU e i territori rivendicati nel 2014

Nel 2004, McHenry cambiò il nome del suo paese in Granducato di Westarctica. L'anno successivo, rivendicò le isole Balleny e l'isola di Pietro I, già rivendicate rispettivamente da Nuova Zelanda e Norvegia. Il Granduca Travis abdicò nel 2006 per diventare barone del Castello di Dunluce. Venne sostituito da Philip Karns.

All'inizio del 2008 per problemi di salute Filippo Karns fu costretto ad abbandonare Westarctica. Capo dello Stato divenne quindi Jon-Lawrence Langer, il Duca di Moulton-Berlino. Langer chiese agli abitanti di Westarctica e ai suoi alleati aiuti comunitari per la rivitalizzazione del progetto.

Il 3 giugno 2010 il fondatore di Westarctica, Travis McHenry rimosse Jon-Lawrence Langer come capo dello Stato dopo diverse controversie e denunce. McHenry abolì allora il Granducato e lo sostituì con il Protettorato di Westarctica. Insieme a queste riforme Westarctica ha adottato una nuova bandiera, ha ridotto le rivendicazioni e si è unito all'Unione Micronazionale dell'Antartide.[1]

Westarctica ha coniato diverse monete, in legno e metalliche, ed ha stampato francobolli. Nel 2010, Travis McHenry ha assunto l'incarico di Granduca di Westarctica.

Note[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]



I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.