I Paradise Papers sono un insieme di 13,4 milioni di documenti riservati relativi agli investimenti offshore provenienti che sono stati scoperti dal quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung. Il giornale li ha condivisi con il Consorzio internazionale dei giornalisti investigativi, di cui alcuni articoli sono stati resi pubblici il 5 novembre 2017.[1]

I documenti appartengono allo studio legale offshore Appleby, con sede alla isole Bermuda datati tra il 1950 ed il 2016, al fornitori di servizi aziendali Asiaciti Trust ed ad altri 19 registri di società con sede in vari paradisi fiscali.[2] Contengono i nomi di più di 120.000 persone e aziende.[3] Tra coloro i cui affari finanziari sono menzionati vi sono il Principe Carlo[4] e la regina Elisabetta II, Presidente della Colombia Juan Manuel Santos e il segretario del commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross. Questa è la seconda fuga di dati e notizie più grande della storia, costituita da circa 1,4 terabytes di informazioni, dietro solo ai Panama Papers nel 2016.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti di Wikimedia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]



I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.