Paul Connett (20 ottobre 1940) è uno scienziato statunitense. Professore di chimica e tossicologia alla St. Lawrence University (Stato di New York) e un attivista ambientale tra i fondatori della strategia Rifiuti Zero[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureato alla Cambridge University, ha conseguito un Ph.D. presso il Dartmouth College e iscritto alla facoltà di San Lorenzo nel 1983, si è impegnato sulle indagini scientifiche contro la pratica della fluorizzazione dell'acqua.

Connett si è opposto all'incenerimento come metodo di gestione dei rifiuti solidi urbani, basandosi sull'analisi chimica dei sottoprodotti del processo: la sua attività di attivista lo ha condotto a fare oltre 1700 presentazioni pubbliche in 49 Stati degli Stati Uniti, cinque province canadesi e in 44 altri paesi del mondo. Sul tema ha scritto molti articoli sulla diossina[2].

In Italia è presidente del comitato scientifico della commissione Rifiuti Zero di Capannori[3], primo comune in Italia ad adottare tale strategia di gestione del servizio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. William Domenichini, Dobbiamo invidiare le ciminiere perché hanno sempre da fumare?, in «Informazionesostenibile.info».
  2. Scheda biografica della S.Lawrence University
  3. William Domenichini, Verso Rifiuti Zero: intervista ad Alessio Ciacci, in «Informazionesostenibile.info».

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]




I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.