FANDOM


La Programmazione Neuro Linguistica-terapeutica (abbreviata PNL-t) è un modello psicoterapeutico nato nel 2004 in Italia partendo dalle basi della Programmazione neuro linguistica di John Grinder e Richard Bandler integrandola con varie discipline psicoterapeutiche. Il modello nasce come metodologia di ricerca tesa a superare i confini di un’unica scuola e di un’unica prospettiva, caratterizzandosi per una apertura verso teorie e tecniche diverse: in particolare verso quelle della Gestalt terapia, della terapia sistemica, della terapia cognitivo-comportamentale, della terapia strategica Ericksoniana (vedi Milton Erickson), della scuola di Palo Alto e del sistema mente-corpo. Tale integrazione, spinta dal desiderio di guardare oltre i confini delle diverse correnti di pensiero psicoterapeutico, mira a costruire una teoria del Campo Unificato (Robert Dilts) che permetta di capire e di impostare, attraverso un rapporto empatico positivo, il cambiamento per raggiungere uno stato di benessere del paziente, coinvolgendo comportamenti ed emozioni. Allontanandosi quindi dalle aree di intervento più strettamente legate alla vendita e al marketing (che hanno caratterizzato parte della storia della PNL negli ultimi anni), la PNL-t si concentra sulla psicoterapia e sul benessere psico-sociale delle persone.

StoriaModifica

La PNL-t nasce in Italia grazie al lavoro di psicoterapia e di ricerca condotto ad opera di due psicologi-psicoterapeuti e trainer PNL italiani, Lorenzo Bracciodieta e Daniela Poggiolini, approdati alla PNL italiana specializzandosi grazie ad un percorso quinquennale con Gianni Fortunato, fisico, psicopedagogista e analista transazionale clinico, nella scuola bolognese di PNL. Gianni Fortunato, trainer in PNL di prima generazione, è considerato, insieme ai coniugi Norma e Philip Barretta maestri per eccellenza della NLP americana, uno dei padri della PNL Europea e il fondatore della PNL Italiana.

Elementi caratterizzanti del modelloModifica

Il modello PNL-t fonda le sue basi su vari elementi caratterizzanti:

  • la definizione di obiettivi comportamentali desiderabili ai quali orientare la trasformazione dei comportamenti anomali o disadattivi, verso risultati di "eccellenza possibile"; tale approccio parte dall'idea che "se una persona è in grado di fare una cosa, chiunque può imparare a farla"[1][2] e di conseguenza è possibile modificare i propri comportamenti che creano disagio in comportamenti efficaci e funzionali per il proprio benessere;
  • il modellamento del comportamento del paziente, volto a esplicitare e rendere consci i meccanismi automatici soggiacenti, sia interpersonali che intrapersonali, in inscindibile relazione col percorso terapeutico di "soluzione del problema";
  • l'individuazione dei pattern della comunicazione verbale, para-verbale e comunicazione non verbale che definiscono (ed influenzano) la "mappa del mondo" del paziente, e dei processi neurali che li traducono in comportamenti ed emozioni. Questa conoscenza può essere un potente strumento terapeutico e produrre una "trasformazione" della mappa rappresentazionale stessa,e quindi una risoluzione funzionale o adattiva del disagio psichico. Secondo il modello PNL-t infatti è possibile scoprire dinamiche inconsce della persona analizzando la comunicazione non verbale facilitando in questo modo il processo terapeutico.
  • l'importanza delle dinamiche inconsce utilizzate come risorse per risolvere problemi e disagi psichici;
  • approccio bioEtico, che pone importanza al benessere psico-sociale della persona, rispettando i suoi valori e le sue convinzioni.
  • ogni sintomo riportato dal cliente ha sempre per la persona quello che viene chiamato "vantaggio secondario", ovvero che una espressione sintomatica, in aggiunta ad aspetti negativi e dolorosi, può comportare dei potenziali benefici di tipo sociale, economico o attenzioni personali. Ad esempio un disagio psichico può comportare, oltre che all'aspetto negativo del disagio stesso, anche una fuga da responsabilità o situazioni non desiderate. Dal punto di vista terapeutico il "vantaggio secondario" del sintomo è un ostacolo verso il cambiamento e quindi il lavoro e la rielaborazione di quest'ultimo sono di fondamentale importanza per il raggiungimento del benessere desiderato.

Approccio bioEticoModifica

Il modello PNL-t viene definito dai suoi stessi fondatori come un modello con approccio bioEtico. Per bioEtico si intende una particolare attenzione verso le persone, rispettandone i valori, le convinzioni e la "mappa del mondo" senza interpretare secondo categorie preordinate il comportamento disadattivo ma rimandandolo al paziente con scopo di presa di realtà è di consapevolezza di quello che viene chiamato "vantaggio secondario". Ripartendo da qui il lavoro viene fatto assieme ad un paziente sempre attivo e reso altamente responsabile del lavoro terapeutico. Il terapeuta PNL-t opera rispettando gli obiettivi del paziente e lo guida verso lo "stato desiderato" (modello SCORE[3]) da lui stesso definito in fase di anamnesi.

BibliografiaModifica

  • Bandler R., Grinder J., La struttura della magia, Astrolabio Edizioni, 1981
  • Bandler R., PNL per il benessere, Alessio Roberti Editore, 2012
  • Bavister S., Vickers A., PNL essenziale, Alessio Roberti Editore, 2013
  • Dilts R., Delozier J., Dilts D.B., L'evoluzione della PNL, Alessio Roberti Editore, 2011
  • Dilts R., Gilligan S., Il risveglio dell'eroe con la PNL, Alessio Roberti Editore, 2011
  • Erickson M.H., La mia voce ti accompagnerà, Astrolabio Edizioni, 1983
  • Gilligan S., Aiutare se stessi, Ed. La Scuola, 2012
  • Haley J., Terapie non comuni, Astrolabio Edizioni, 1976
  • Poggiolini D., Lo scarabocchio il disegno il segno/scrittura, Ed. Enter, 2012
  • Poggiolini D., Sette storie per Lorì, Di Marsico Libri, 2009

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Note Modifica

  1. Bavister S., Vickers A., PNL essenziale, Alessio Roberti Editore, 2013
  2. http://www.cleanlanguage.co.uk/ModellingProject-1-intro.html
  3. Dilts R., Delozier J., Dilts D.B., L'evoluzione della PNL, Alessio Roberti Editore, 2011

Fonti Modifica



I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.